BABY DOC

Un capolavoro chiamato BABY DOC datato 17/12/93

Era dicembre del 1993 quando Sergio Coltri assiame a Matteo Vianini stavano realizzando una delle vie capolavoro, e penso la più ripetuta, della magica val d’Adige: Baby Doc.

Prima opera di Castel Presina, Baby Doc, risulta una via meravigliosa che con grande intuito si sviluppa in un’ambiente severo zizgagando con logica impeccabile sulla superba roccia giallo-rossa che presenta questa parete. Anche se a prima vista lascia sconcertati per l’aspetto friabile, in realtà è meno peggio di come sembra, alternando tratti compattissimi a canne a tratti che richiedendo comunque attenzione… in poche parole: un gran vione destinato ad entrare nella storia dell’arrampicata veronese!

Sono passati ormai ventanni da questa realizzazione di Coltri/Vianini e le piastrine “artigianali” in parete iniziano a sentire peso del tempo.

Faccio il punto della situazione, organizzo in materiale da sostituire (soste, spit, qualche cordone, statiche ecc.) e chiedo due dritte anche all’amico Maurizio Oviglia; premetto che la via non si bagna praticamente mai e gran parte dei tasselli in loco sono in buone condizioni.

E’ il 22 dicembre, la giornata è uno schifo e con il grande e fido compagno Duzz partiamo in questa titanica opera di “restiling”.

Nebbia, nuvole basse e qualche acquazzone ci fanno titubare a partire la mattina…ma eccoci la, buttiamo giù le statiche e iniziano i lavori.

Scendendo cambiamo subito le soste e ci dividiamo i compiti: io i primi tre tiri e il Duzz i due finali.

Abbiamo dunque eseguito i seguenti lavori:

  • Sostituito tutti i punti di sosta con soste fixe ad anello in acciaio zincato.
  • Sostituito tutte le piastre vecchie (artigianali/arruginite) con quelle della fixe in acciaio zincato.
  • Sostituito spit completi (tassello + piastrina) dove era opportuno, in particolare sull’ultimo tiro, sempre con spit fixe in acciaio zincato.
  • Sostituito 2 clessidrine (di dubbia tenuta) con 2 spit fixe in acciaio zincato.
  • Sostituito cordoni su 3 clessidre.
  • Sistemato 4 spit, rispettando la spittatura originale, per agevolare gli attriti e i rinviaggi.
  • Disgaggiato qualche blocco instabile nel terzo e quarto tiro.

NB: Abbiamo rispettato la chiodatura originale senza aggiungere alcuna protezione.

Questo è il resoconto di una giornatona passata in parete a sistemare una via spettacolare che deve rimanere nella storia. Adesso Baby Doc è tornata a nuovo ed è pronta ad altre infinite ripetizioni.

Tornando in auto chiamiamo Sergio e gli diciamo che abbiamo un regalo di Natale per lui, incredulo ed emozionato mi dice che andrà a rifarla a breve…aspettiamo con ansia l’ardita sentenza.

Curiosità: il caso ha voluto proprio che la sistemazione di Baby Doc avvenisse proprio dopo 20 precisi anni dalla sua apertura; (17/12/1993 – 22/12/2013).

di Andrea Simonini

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...